Il settore travel è senza dubbio dominato dalle OTA che, nel giro di pochi anni, sono riuscite a cannibalizzare il mercato delle prenotazione online, imponendo logiche di vendita e commercializzazione del turismo che spesso vincolano in modo quasi opprimente gli operatori turistici.

Diciamolo, combattere le OTA è impossibile, possono mettere sul piatto tecnologie, budget e conoscenze che nessun operatore o destinazione può essere in grado nemmeno di sognare.

In un panorama in cui le OTA la fanno da padrone, ha quindi ancora senso aprire un portale di prenotazione? Si ha senso, ma solo se riusciamo a differenziarci dai grossi player.

E la chiave per differenziarsi sta nel locale. E’ nella valorizzazione del territorio, nel suo racconto, nella promozione e nell’aggregazione degli operatori che ancora oggi si possono trovare gli spazi per creare valore tramite un portale di destinazione.

Agire a livello di località consente di pianificare strategie di sviluppo territoriale che permettono di individuare mercati verticali e di nicchia, creando una specializzazione nell’offerta turistica che parte dalle caratteristiche del territorio per creare un’esperienza.

E’ qui che il locale vince sul globale, perché nessuna OTA potrà mai essere in grado di entrare nelle specificità di un territorio per valorizzarlo, ma seguirà sempre e solo le sue logiche di business e di vendita, promuovendo solo ed esclusivamente ciò che le fa guadagnare.

In questa logica assumono importanza fondamentale tutte le forme di aggregazione di operatori turistici e le DMO che, mettendo in rete idee e risorse possono creare valore per il territorio tramite la promocommercializzazione dell’offerta turistica locale.

Offerta turistica che, naturalmente, deve trovare la sua vetrina in un portale di destinazione capace di promuovere gli operatori locali veicolando prenotazioni e contribuendo a erodere quote all’intermediato delle OTA.

In questo processo di affermazione del locale, Bookingfor rappresenta la soluzione ideale. Si tratta di un generatore di portali di prenotazione che, con pochi e semplici click, riducendo drasticamente gli oneri di start-up e adeguando gli investimenti all’effettivo utilizzo, consente di valorizzare l’offerta turistica del territorio.

È possibile provare gratuitamente Bookingfor per 21 giorni e aprire un portale di prenotazioni cliccando qui. La prova è totalmente gratuita, non è richiesta alcuna carta di credito e le richieste di prenotazioni del periodo di prova saranno reali a tutti gli effetti e senza alcun costo.

PROVALO GRATIS PER 21 GIORNI